Autocertificazioni

Uffici competenti

Che cos'é l'autocertificazione

DICHIARAZIONE SOTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE

Ogni cittadino maggiorenne ITALIANO o STRANIERO DELLA COMUNITÀ EUROPEA, ha la possibilità di dichiarare e sottoscrivere senza bisogno di far autenticare la propria firma, la propria condizione, i propri requisiti o fatti di sua diretta conoscenza e presentare, o spedire per posta o via telefax, tale dichiarazione in sostituzione della normale certificazione o documentazione richiesta, evitando così inutili "code" all'Anagrafe o in altri uffici pubblici.

I cittadini EXTRACOMUNITARI, se residenti in Italia, possono utilizzare l'autocertificazione solo nei casi in cui ciò che viene dichiarato può essere certificato o attestato da un ufficio pubblico o privato italiano.

L'AUTOCERTIFICAZIONE È CONSENTITA
- nel rapporto con la Pubblica Amministrazione:
* Dello stato (Prefettura, Questura, ecc?)
* Della Regione (Azienda Sanitaria Locale, ecc?)
* Della Provincia (Assessorato ai Trasporti, ecc?)
* Del Comune (Ufficio Tecnico Comunale, ecc?)
- Con altri Enti Pubblici (INPS, ecc?)
- Con le Imprese che gestiscono servizi pubblici (A.S.M., Poste, FF.SS., ENEL, ecc?)

Gli impiegati delle Amministrazioni sopra elencate non possono rifiutare l'autocertificazione se prevista per legge. Il rifiuto costituisce violazione dei doveri d'ufficio.

L'AUTOCERTIFICAZIONE NON È CONSENTITA
- Nel rapporto con l'autorità giudiziaria
- Nei rapporti con e tra privati cittadini o ditte private
- Per i certificati medici, sanitari, veterinari
- Per i certificati di origine, di conformità CE, di marchi e brevetti

Autocertificazioni o Dichiarazioni Sostitutive

Possono essere rese, anche contestualmente ad una istanza:
A) Nei casi previsti dall'art. 2 della L. 4.01.68 n° 15, per dichiarare:
- Data e luogo di nascita
- Residenza
- Stato di famigli
- Cittadinanza
- Godimento dei diritti politici
- Stato di celibe, coniugato o vedovo
- Esistenza in vita
- Nascita di figlio
- Decesso del coniuge, dell'ascendente o discendente
- Posizione agli effetti degli obblighi militari
- Iscrizione in albi o elenchi tenuti da una pubblica amministrazione

Le dichiarazioni indicate sostituiscono certificati, estratti e attestati richiesti da qualsiasi Pubblica Amministrazione come ad esempio:
- Scuole di ogni ordine e grado
- Università
- Motorizzazione civile
- Comuni

B) Nei casi previsti dall'art. 1, c.1 del D.P.R. 20.10.98, n° 403 per dichiarare i seguenti stati, fatti e qualità personali:
- Titolo di studio o qualifica professionale posseduta;
- Esami sostenuti;
- Titolo di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di aggiornamento e di qualificazione tecnica;
- Situazione reddituale o economica, anche ai fini della concessione di benefici e vantaggi di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali;
- Assolvimento di specifici obblighi contributivi con indicazione dell'ammontare corrisposto;
- Possesso e numero del codice fiscale, della partita IVA e di qualsiasi dato presente nell'archivio dell'Anagrafe Tributaria e inerente l'interessato;
- Stato di disoccupazione;
- Qualità di pensionato e categoria di pensione;
- Qualità di studente o casalinga;
- Qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore o simili;
- Iscrizioni presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo
- Tutte le posizioni relative all'adempimento degli obblighi militari
- Di non aver riportato condanne penali
- Qualità di vivenza a carico
- Tutti i dati a diretta conoscenza dell'interessato contenuti nei registri di Stato Civile

Quando scadono le autocertificazioni

Le dichiarazioni autocertificate hanno la stessa validità nel tempo degli atti o certificati che sostituiscono.
SCADENZA DEI CERITIFICATI

I certificati rilasciati dalle Pubbliche Amministrazione se attestano stati o fatti personali non soggetti a modificazione hanno validità illimitata (es. titoli di studio, certificato di morte).

Tutte le altre certificazioni rilasciate dalle Pubbliche Amministrazioni hanno la validità di 6 mesi dalla data del rilascio, salvo disposizioni di legge che prevedano una validità superiore.

Se il certificato è scaduto e i dati riportati non sono variati è sufficiente una dichiarazione dell'interessato, posta al fondo del certificato e sottoscritta, da cui risulti che le informazioni contenute nel certificato non sono variate.

Cerca all'interno del sito