Comunicati Stampa

Sala consiliare di Valtournenche piena di pubblico, giovedì 4 ottobre, per una serata dedicata alla sicurezza stradale.

Il Comune ha infatti aderito alla campagna Attenta-mente contro la distrazione e i comportamenti errati sulle strade urbane. È dunque in corso una sperimentazione che è consistita nella rilevazione della velocità di marcia dei mezzi a motore sulla Strada regionale prima e dopo il posizionamento di tre colonnine VeloOk.
Le analisi delle registrazioni effettuate dal radar in località Moulin, durante sei giornate, prima del posizionamento delle colonnine a controllo dei due sensi di marcia, ha fatto rilevare che il 40% dei veicoli viaggiava fuori limite di velocità e vi è stata una media di 1.838 infrazioni al giorno, 35 delle quali gravi. Dopo la collocazione del sistema, le infrazioni sono scese al 28,1% e quelle gravi sono state 20. I dati complessivi sono disponibili su http://www.attenta-mente.it/valtournenche-contrasto-alle-infrazioni/
Sinora non è stata elevata nessuna sanzione. In futuro, sarò attivata anche la periodica funzione sanzionatoria: una pattuglia di Polizia locale si posizionerà nella prossimità della colonnina (non necessariamente in adiacenza) e sarà autorizzata a elevare contravvenzioni. L’ammontare della sanzione è determinato dall’articolo 142 del Codice della strada.
Paolo Goglio, presidente dell’associazione Noi Sicuri che, assieme all’Associazione Asaps (Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale) sostiene la campagna, ha spiegato che l’intento è di aiutare le Amministrazioni a far compiere alla popolazione un percorso correttivo-legale volto a far rispettare le norme del Codice stradale. Ma vi è un parallelo percorso educativo-culturale che coinvolgerà i bambini, proponendo uno spettacolo educativo agli allievi della scuola primaria.
A livello nazionale, il 74,6% degli incidenti si verifica sulle strade urbane, con il 70,8% dei feriti. La maggior parte degli incidenti mortali si verifica invece in ambito extraurbano. Ciò deriva dal fatto che, in ambito urbano, c’è la compresenza di mezzi a motore, di biciclette e di pedoni.
La principale causa degli incidenti è la distrazione (largamente riconducibile all’uso del telefonino mentre si è alla guida); la seconda è la velocità.
Il vicesindaco Nicole Maquignaz ha ricordato che non si tratta di un’iniziativa messa in atto per fare cassa ma per aumentare i livelli di sicurezza di tutti coloro che vivono e frequentano Valtournenche.
Alessio Cappelletti, assessore alla viabilità e lavori pubblici, ha sottolineato che l’obiettivo è rallentare la velocità (soprattutto nei punti più critici) e, a tal fine, la prevenzione derivante dalla percezione di controllo che deriva ai guidatori dal sapere che vi sono sistemi di rilevazione all’opera ha dimostrato, anche a Valtournenche, la sua efficacia.

acquedotto

Acquedotto numero verde

rifiuti

Numero Verde Rifiuti

illuminazione

Sei qui: Home Informazioni Comunicati Stampa A Valtournenche attenzione alla sicurezza stradale